domenica 21 giugno 2009

... vai oltre ...


... m'ha presa e seduta con garbo sul ramo più ampio, il Saggio che è in me non sa liberami le ali, ma mi culla fra le braccia quando si spinge sopra il mondo e da lì lo guardiamo, da lontano e col nostro animo, godiamo di tutto e ci sembra bello e quieto e buono ... lui mi porta in alto, lontano da ogni peso che m'inghiotte, lontano da ogni sofferenza che non merito ... io non la merito. Lui sa, è me, che m'è stato insegnato un amore rifiutato ed ho imparato ad inseguirlo privandomi di ogni orgoglio, perchè un' amore che sfugge si nutre di te, della tua speranza, della tua forza, dei tuoi sogni, delle tue suppliche, dei tuoi sorrisi, delle tue rinunce e non accetta la tua tristezza, la tua paura, queste sono le armi che usa per legarti a sè ... e se non gli appartengono non sa nemmeno crederle legittime ... amare chi ti rifiuta è l'amore più potente che esita e nemmeno lo sa ... non so nemmeno se mio padre l'ha capito, non so nemmeno perchè mai è tornato, non so nemmeno perchè ha finto tutta questa responsabilità se poi m'ha delegato ad altri .... forse il suo amore incapace l'ha aggiustato così, alla picchio pacchio, con quel che c'era, con quel che poteva ... E forse mia madre piangeva in quel tempo, raccontandomi tutto questo, credendo non potessi capire le sue parole mi investiva e mi vestiva del suo dolore, poi finì per riscattarsi e riscattarmi nutrendomi d'orgoglio e di forza, di fierezza e di stima di pace e sacrificio, di sè, perchè questa è Lei, rifiutata e schernita ma potente e fiera, coraggiosa e diretta tanto da vivere col cuore e la responsabilità di non arrendersi mai... nemmeno di fronte all'inganno peggiore, nemmeno di fronte alla ferita più vile, nemmeno di fronte alla vergogna più atroce .... perchè anche a questo c'è rimedio, c'è, e sta nella Vita e in tutto ciò che si è costruito e regge ..........." Questo è il tuo posto, piccola mia, qui c'è speranza, ci sono progetti, c'è quantità, qualità, continuità, crescita, libertà e sicurezza ... e non scuotere la testa mentre sorridi, lo so a che pensi !!!!! "

8 commenti:

  1. ..amare è soffrire e solo qundo si capisce,si accetta questo allora si è cpaci di volare,di stendere le proprie ali e non ci sono lame che possano fermarci,si va avanti,il saggio dice,ma il saggio sei tu,di me sono io,quel che predica bene e razzola male,consapevole che basta un piccolo gesto,un tocco leggero per far alzare il nostro volo,amare è soffrire,soffrire d'amore è amare l'amore.....

    RispondiElimina
  2. un uomo se ne va
    una donna può continuare a vivere
    ma sceglie di rimanere con l'ombra dell'uomo
    racconta la sua storia
    non la storia
    la storia come lei la vede
    il dolore avrebbe dovuto rimanere dolore
    e consumarsi, lavato dall'acqua
    ma il dolore si trasforma in una specie di veleno
    rabbia che si trasmette
    in esempio deleterio per il piccolo cuore

    siamo stati tutti piccoli cuori
    allevati da esseri che sfornano bambini
    come fossero pagnotte o bambole
    e poi non fanno i genitori
    inconsapevoli, non ne sono capaci
    possiamo rammaricarcene senza discontinuità
    o lasciare che quelle figure facciano la loro vita
    e noi la nostra
    non sei tua madre
    non sono mia madre
    non sei tuo padre
    non sono mio padre
    portiamo i loro segni genetici
    ma il nostro destino è una storia ancora da scrivere

    e lo sai bene
    altrimenti non sorrideresti

    RispondiElimina
  3. @ Nero sei un perfetto compagno di volo ! E' più di un abbraccio è il dono di potersi arrendere ....

    @ no mind adoro come entri nel mio mondo e come mi comprendi in un sorriso !!!!

    RispondiElimina
  4. Hai un modo di raccontarti unico, non sei per tutti.

    RispondiElimina
  5. @ Nicole ... é un grande complimento.

    RispondiElimina
  6. Seriamente piacevole! Di chi e cosa rappresenta l'immagine? Grazie.
    Fred

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  7. L'immagine l'ho cercata attraverso Google una volta finito di scrivere il testo.
    Credo che ogni donna abbia in sé quella parte di saggezza, che per me è la somma di ciò che mi è stato insegnato, che ho appreso perchè ho guardato con attenzione, con amore, con rispetto. Il Saggio è quella parte di me che non mi permette di reagire e mi offre tempo, tempo per pensare, per far si che si sciolgano i nodi, per far si che io possa guardare con maggiore distacco e scegliere di continuare a camminare sulla via che più è giusta per me, mi trattiene perchè io possa agire. Il Saggio è come una madre, un'amica un amante sincero ......
    Grazie Fred

    RispondiElimina