domenica 14 marzo 2010

sollievo


.... io non credo nella sostituzione, nel rimpiazzo, nel cercare di colmare con altro ciò che mi manca
... io credo nella scelta senza peso, nelle persone che ho al mio fianco, nel procedere alimentando un comune sentire
... io non abbandono ciò che ho creato fino a che ho non dato tutto e non scelgo surrogati di emozioni
.... io sopporto il peso del cambiamento per aumentare la mia visione e condivido
.... la quotidianità ha il suo pregio, la continuità ha il suo pregio, il ritrovarsi dopo tempo ed arrivare lo stesso nelle fondo dell'anima ha un senso .... il resto è inutilità come cercare una normalizzazione quando non si è mai percorso lo stesso viaggio .... Ritorno in me e chiudo

7 commenti:

  1. Condivido il pensiero con te..ogniuno è trafitto da un raggio di sole, trafitto da un'emozione che vorrebbe cambiare il mondo; capita. Riconosciamo anche, di aver costruito secondo le nostre scelte, di aver messo ogni tassello, giorno dopo giorno, sempre con l'attenzione che ci riconosciamo per crescere e continuare a sorridere alla vita, sempre a testa alta. Possiamo cedere è vero; ma rimaniamo sempre nelle nostre sincere convinzioni di non voler sbagliare, mai.

    Maurizio

    RispondiElimina
  2. @ Maurizio ... è proprio vero !

    RispondiElimina
  3. la penso come te ... un abbraccio Silvietta cara..

    RispondiElimina
  4. Liberamente scelgo,come lascio la libera scelta agli altri.Amare è un verbo non singolare secondo me.Si è innamorati entrambi,non credo a quelli che dicono il mio amore può bastare anche per te.
    Non credo al bisogno di amore,se al bisogno della condivisione con una persona che accetti come siamo e noi l'altro.E il bisogno diventa di chi amiamo,del soggetto e non del colmare le nostre mancanze.

    Un bacio.

    RispondiElimina
  5. @ Massimo ... un abbraccio !

    @ NERO ... beata ragione che argina l'istinto, beato istinto che segue il cuore, beato il cuore che che sovrasta la ragione ... ma sto imparando .... Un bacio ... sorrido al mio fianco, so che ci sei !

    RispondiElimina
  6. Ha ragione Nero. Non è possibile che il verbo sia a senso univoco. Ed è proprio questo il difficile. Non tanto il trovare qualcuno che ti ami, ma ti ami come tu richiedi, mettendo nella scatola quello che tu desideri e tu quello che lui desidera.
    Amare non è semplice e spesso viene intrapreso come una cosa normale. Ma non lo è. In gioco ci sono mille fattori. Bisogna costruire insieme. Avere il tempo di farlo.
    Ma se uno dei due non ha volontà in questo ... non si può amare per tutti e due. In questo sono completamente d'accordo.

    RispondiElimina
  7. @ ashasysley ... cresciamo e vorremmo farlo al fianco di chi amiamo, impariamo e vorremmo condividerlo con chi amiamo, procediamo e vorremo continuare a tenere per mano chi ha fatto alzare la testa per guardare più lontano, chi ci ha protetto nel nostro percorso, chi ha saputo sentire che eravamo qualcosa di più di quello che "comodamente" avevamo accettato .... questo non è bisogno d'amore, questo è amore e rimane dentro, per tutta la vita .... Ti bacio, sorrido volgendomi di lato, tu ci sei...

    RispondiElimina