sabato 20 novembre 2010

vuoi sapore di me ?


... è un piccolo tratto di strada Via Parigi, ma da quando ho trovato una targa consunta su una porta di legno scuro che indicava l'ingresso al palco scenico, ogni volta che comincio a percorrerlo, il mio teatro si mette in opera !

... tra il leggero chiacchiericcio, mescolato alla musica soft del pub sotto il portico, si alza la voce del regista, spesso indignato dalla mia natura pacata, doma. Severamente mi pungola a reagire, suggerendomi l'atteggiamento e il tono con cui dovrei rivolgermi ai miei ingiusti padroni e riesco a credergli, mi ricompongo e il passo si fa deciso e vivace, ma ben presto torno in me, già in all'incrocio con Via Galliera, se proprio non sono offesa, comincio a sorridere ! Non ho padroni ! Questa non è una recita ed io non sono un'attrice. Super Ego del cacchio! Quante volte hai tentato di costringermi a reagire in una maniera che non mi si conviene ? !!

Oggi, sono passata di nuovo da lì; passi brevi, punte dei piedi lievemente all'interno, spalle leggermente incurvate e volto proiettato al suolo un paio di metri più avanti di me, non avevo le mani posate sulle cosce né il pollice nascosto nel palmo ... non ho l'obbligo di tacere i miei sentimenti, né il dovere di non lasciare trasparire le mie emozioni, non ho voglia di compiacere, ne di allietare nessuno, non sono una geisha, ed è ferma la mia voce e le dita si serrano sul " L'ultima concubina " ...
Ho ricominciato a leggere: ho assoluto bisogno d'amore, quello da romanzo, quello che risveglia l'anima e il corpo, quello in cui m'infilo scioccamente, in una catarsi che mi distrae dalla realtà, ... è scritto, è stato ... trattengo ciò che mi piace, vivo per giorni dell'energia che ho carpito e mi sorprendo di non essere compresa ...

...Dio, vivo in un mondo tutto mio ! Sembro vivere in maniera assolutamente superficiale tutto ciò che ho scelto e che è la mia vita. Scegliere : mi è stato insegnato che comporta fatica e sacrificio e se mi volto, nulla mi sembra abbia questo sapore di ciò che ho compiuto, nulla. Fatica e sacrificio riesco a legarli a persone che non ho scelto di avere al fianco ... che hanno scelto di non avermi al loro fianco per poi ripensarci ...

... Via Parigi, alle spalle ... rien ne va plus ... ho deciso, ho sempre e comunque deciso ... né regista né attori,
nessuno
se non chi ha pensato di raccontare e chi ha sentito d'essere sé ....

Il banco vince, sempre

2 commenti:

  1. mi piace forte :)

    RispondiElimina
  2. noi due continuiamo ad avere pensieri molto simili in questo periodo :)
    un abbraccio

    RispondiElimina